Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive - ordinamento dall'a.a. 2008/2009

Presentazione

CARATTERISTICHE E FINALITÀ
Il corso offre una preparazione generale per il professionista dell'attività fisica intesa come movimento del corpo a scopo educativo, di divertimento, di sport, di mantenimento o ripristino della forma fisica.
Le competenze teoriche saranno raggiunte mediante insegnamenti di base (ad esempio Anatomia, Biologia, Psicologia, Fisiologia) e insegnamenti caratterizzanti, ossia che riguardano specificatamente l'attività fisica e motoria (ad esempio Tecniche e didattica degli sport individuali e di squadra, Tecniche e metodologia dell'allenamento). I singoli insegnamenti di base sviluppano il programma didattico in modo che circa il 70% del tempo e dell'impegno dello studente sia comunque dedicato allo studio di ambiti strettamente connessi con l'attività motoria e sportiva.
Il laureato acquisisce le capacità teoriche e pratiche necessarie a progettare, condurre, insegnare e valutare l'attività fisica nelle sue varie forme; autonomo nel proprio campo professionale, è in grado di impostare la propria attività su basi scientifiche e di aggiornarsi professionalmente.
Le competenze pratiche sono acquisite mediante esercitazioni sul campo per ogni disciplina caratterizzante e tramite tirocini attivati in strutture motorie e sportive interne all'Università o in numerose strutture esterne convenzionate.
Per quanto riguarda le opportunità di studio all'estero, il corso di studio ha stipulato accordi con diverse sedi universitarie straniere 
(Hamburg D, Leuven B, Granada E, Franche-Comté F, Coimbra P) per l'accoglimento degli studenti all'interno del programma di mobilità internazionale Erasmus+. Per informazioni gli studenti possono contattare la Prof.ssa Paola Cesari  delegata all'internazionalizzazione per Scienze motorie.

AMBITI LAVORATIVI
I laureati trovano occupazione nelle strutture pubbliche e private, nelle organizzazioni sportive e dell'associazionismo ricreativo e sociale e nei centri di promozione e conduzione delle attività motorie e sportive svolte in vari ambienti.

DALLA SCUOLA ALL'UNIVERSITÀ
Il Corso è ad accesso programmato ed è previsto un test d'ingresso. Sono richieste allo studente sufficienti conoscenze (saperi minimi) relative a matematica (capacità di calcolo anche algebrico, comprensione ed applicazione di principi di trigonometria), fisica (conoscenza delle leggi fondamentali della fisica meccanica - statica e dinamica - e loro applicazione pratica) e chimica (conoscenza degli aspetti di base della disciplina che consentano la comprensione delle reazioni chimiche, della struttura delle molecole e dell'organizzazione della materia vivente). E' richiesta inoltre la conoscenza della lingua inglese a livello A2.


Per informazioni complete sul Corso di Studio è possibile consultare la Scheda Unica Annuale (SUA-CdS), pubblicata nella sezione Documenti. La SUA-CdS contiene quattro sezioni pubbliche: Presentazione, Obiettivi della formazione, Esperienza dello studente, Risultati della formazione

►Dati statistici del corso di studi su opinione degli studenti, carriera universitaria e sbocchi occupazionali

Scheda del corso

Tipo
Corsi di laurea
Durata
3 anni
Classe di appartenenza
L-22 - Classe delle lauree in scienze delle attività motorie e sportive
Organo di controllo
Collegio Didattico di Scienze Motorie
Referente
Maria Romanelli
Gestione didattica
Unità operativa Didattica e Studenti Scienze Motorie
Gestione carriera studenti
Unità operativa Didattica e Studenti Scienze Motorie
Sede
VERONA
Obiettivi formativi
Gli obiettivi formativi specifici del Corso di laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive sono finalizzati al conseguimento di competenze culturali e operative adeguate per la conduzione e la valutazione di attività motorie individuali e di gruppo a carattere educativo, ludico ricreativo e sportivo, finalizzate al mantenimento del benessere psico-fisico mediante la promozione di stili di vita attivi. Tali competenze riguardano anche la conduzione e la valutazione di attività del fitness individuali e di gruppo. Sport ed esercizio fisico programmato sono diritti del cittadino sanciti dalla UE e strumenti per il conseguimento ed il mantenimento del benessere fisico, psicologico e sociale. Per soddisfare questo diritto servono, oltre a tempi, luoghi e strutture, professionalità di riferimento dotate della cultura e delle competenze tecnico-scientifiche adeguate a prendersi carico di condurre il praticante in un percorso di attività motorie che sia consono agli obiettivi e alle capacità del praticante e quanto più possibile scevro degli inconvenienti spesso associati ad un non corretta pratica dello sport e delle varie forme di attività fisica. Per attività motorie e sportive si intendono le diverse forme di attività fisica che, esercitate in forma organizzata, in luoghi pubblici e privati, negli ambiti dello sport sociale, dello sport di competizione, dello sport per disabili, dei servizi turistico-ricreativi, di recupero post riabilitativo, hanno come obiettivi il raggiungimento, il mantenimento o il ripristino del benessere psico-fisico, l'espressione e il miglioramento degli stili di vita attivi, lo sviluppo delle relazioni sociali e il conseguimento di prestazioni gratificanti o competitive. Il Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive identifica come obiettivo formativo primario lo sviluppo di conoscenze e competenze di ambito motorio-sportivo, biomedico e psico-socio-pedagogico relative allo sport e alla varie forme di attività motorie necessarie per: - Condurre programmi di attività motorie e sportive nelle forme e nei modi che meglio rispondono alle esigenze e alle capacità del praticante e del contesto territoriale e culturale in cui si svolgono. - Assumere autonomia di giudizio e abilità relative alle procedure di valutazione ed analisi delle caratteristiche del praticante e del contesto che sono necessarie per una corretta proposta di attività motoria e sportiva. - Acquisire un metodo scientifico di lavoro che porti ad uno sviluppo ed aggiornamento continuo delle proprie capacità culturali ed operative, che consenta il confronto con il mondo professionale anche internazionale, che sviluppi la capacità e la propensione a progredire nel proprio processo formativo. Il corso di laurea si articola in corsi di insegnamento, tirocini e attività a libera scelta. I corsi di insegnamento hanno ciascuno titolo che non lascia dubbi sui contenuti e sul loro significato nel processo formativo; essi sono organizzati in forma di lezione frontale ed esercitazioni. Le attività di tirocinio sono parte integrante del processo formativo, sono organizzati in stretta collaborazione con il CUS Verona, con le Scuole Superiori della Provincia di Verona e con altre selezionate società sportive e sono integrate con gli insegnamenti del corso e finalizzate allo sviluppo di specifiche competenze pratiche ed operative nell'ambito delle attività motorie e sportive. La formazione si sviluppa identificando quattro macro-aree: tecnico-motoria, biomedica, psicopedagogia e socio-economico-giuridica. Essendo la figura professionale di riferimento del processo formativo quelle dell'educatore motorio e del preparatore fisico/istruttore, maggiore spazio è dato allo sviluppo di competenze di ambito motorio-sportivo, biomedico e psico-pedagogico. Seguendo le raccomandazioni della Conferenza Nazionale dei Presidi delle Facoltà di Scienze Motorie, le singole discipline sviluppano il proprio programma didattico prevedendo che non meno del 70% del tempo e dell'impegno dello studente sia dedicato allo studio di ambiti strettamente connessi con l'attività motoria e sportiva e che solo circa il 30% del tempo sia dedicato agli aspetti generali della disciplina. Il Corso prevede che gli insegnamenti si susseguano nel triennio in modo che l'apprendimento degli aspetti di base dei vari ambiti preceda e sia finalizzato alla costruzione delle competenze operative ed applicative. Nell'ambito biomedico, le conoscenze fornite dalle discipline di base costituiscono la base per la comprensione e lo studio degli effetti fisiologici dell'esercizio che, a loro volta, forniscono il substrato culturale dei contenuti più specifici del corso che riguardano strettamente l'esecuzione del movimento e la sua allenabilità. Parimenti, gli aspetti psico-pedagogici e sociologici che costituiscono la base culturale della professione di istruttore, sono affrontati in stretta integrazione tra le discipline di ambito psico-pedagogico e sociologico e quelle di ambito motorio e sportivo. L'analisi e lo studio delle diverse forme di attività motoria e sportiva viene svolta negli insegnamenti che fanno parte delle attività formative di base e caratterizzanti senza precostituita suddivisione in discipline sportive; questo approccio consente di affrontare gli aspetti scientifici e culturali delle diverse discipline con unicità di metodologia didattica e di analisi. Il necessario approfondimento viene quindi proposto per le discipline di ambito motorio e sportivo anche nel contesto delle attività affini e integrative dove vengono poi ulteriormente sviluppati percorsi di formazione selettivi per alcune discipline sportive selezionate. L'attività formativa è svolta con la collaborazione e l'intervento di Federazioni Sportive del CONI. Si prevede che queste attività didattiche svolte in collaborazione con le Federazioni possano comportare il riconoscimento del percorso formativo universitario ai fini dell'accesso ai quadri tecnici federali. Le abilità linguistiche vengono accertate attraverso specifico test di valutazione di competenza; quando necessario, lo studente può fare uso di specifici programmi di formazione in lingue straniere forniti dall'Ateneo. Il Corso di laurea prevede che una parte dei CFU possano essere acquisiti attraverso esperienze Erasmus condotte in corsi di laurea attivi presso sedi universitarie europee convenzionate. Altre abilità fondamentali per l'aggiornamento, quali la capacità di svolgere ricerche bibliografiche e di analizzare criticamente la letteratura scientifica, sono sviluppate con interventi specifici e con lo sviluppo della tesi di laurea con cui lo studente termina il corso di studi.
Sbocchi professionali
PROFESSIONISTI DELLE ATTIVITA' MOTORIE E SPORTIVE Funzione in un contesto di lavoro: Al termine del corso il laureato possiederà una buona conoscenza delle basi biologiche del movimento in modo da giungere ad una avanzata capacità di comprensione e previsione degli adattamenti a cui un praticante va incontro in funzione di tipo, intensità e durata dell'esercizio, nonché dell'età e del genere del praticante stesso e delle condizioni ambientali in cui l'esercizio è svolto. Lo studio, sia pratico che sui libri, delle tecniche motorie e sportive e dei sistemi di misurazione e valutazione funzionali formeranno la base per la comprensione delle differenze applicative delle diverse forme di attività motorie e sportive. La conoscenza degli aspetti di base della psicologia e della didattica applicate alle attività motorie e sportive consentirà di comprendere e selezionare le modalità attraverso cui trasmettere le giuste tecniche motorie e sportive al praticante. La conoscenza di base della sociologia, del diritto e dell'economia applicate consentirà di comprendere il contesto nel quale il laureato opererà come professionista delle attività motorie e sportive. Competenze associate alla funzione: La figura professionale del laureato in Scienze delle Attività Motorie e Sportive, ovvero il professionista delle attività motorie e sportive, è chiamata a svolgere funzioni in ambito motorio e sportivo con particolare riferimento a: - Conduzione, gestione e valutazione di attività motorie individuali e di gruppo a carattere compensativo, adattativo, educativo, ludico-ricreativo, sportivo finalizzate al mantenimento del benessere psico-fisico mediante la promozione di stili di vita attivi. - Conduzione, gestione e valutazione di attività del fitness individuali e di gruppo. Sbocchi occupazionali: Il mestiere di saper condurre, gestire e valutare le attività motorie, sportive e di fitness individuali e di gruppo potrà essere svolto nelle strutture pubbliche e private, nelle organizzazioni sportive e dell'associazionismo ricreativo e sociale e nei centri di promozione e conduzione delle attività motorie e sportive svolte in vari ambienti.
Dipartimento di riferimento
Neuroscienze, Biomedicina e Movimento
Macro area
Scienze della Vita e della Salute
Area disciplinare
Scienze Motorie

SUA-Cds

Documenti

Opinione studenti frequentanti - 2016/2017

Valutazione "COMPLESSIVA"

Frequenza delle risposte alla domanda: E' complessivamente soddisfatto/a di come è stato svolto questo insegnamento?