Differenziazione neurale di cellule staminali mesenchimali in vitro e in vivo

Data inizio
1 gennaio 2008
Durata (mesi) 
24
Dipartimenti
Neuroscienze, Biomedicina e Movimento
Responsabili (o referenti locali)
Bonetti Bruno

Obiettivo di questo progetto è di valutare il potenziale differenziativo in senso neurale delle cellule staminali mesenchimali (CSM) adulte isolate da tessuto adiposo, utilizzando un protocollo di induzione in vitro e un modello in vivo. Le cellule verranno trattate per 30 giorni con Acido Retinico e Brain Derived Neurotrophic Factor e verranno valutati morfologia ed immunofenotipo, focalizzando l’attenzione su markers neuronali come NeuN, MAP2, TH, GABA-A e nestina. Le proprietà elettrofisiologiche delle CSM differenziate verranno analizzate, in collaborazione con l’Università di Ferrara, tramite current clamp e patch clamp per registrare rispettivamente potenziale di membrana e correnti Na e K. Nello studio in vivo verranno utilizzate CSM che esprimono la proteina fluorescente GFP. Una volta iniettate, le cellule verranno ricercate tramite immunofluorescenza a livello del SNC e dei nervi periferici, ove ne valuteremo il potenziale differenziativo in senso gliale e neurale.

Personale dell’Università di Verona partecipante al progetto:
Bruno Bonetti, Silvia Marconi, Elena Anghileri, Beatrice Gini, Laura Lovato
Gabriela Constantin, Barbara Rossi, Stefano Angiari, Simona Bach (Dipartimento di Patologia)
Mauro Krampera (Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale)
Andrea Sbarbati, Mirco Galiè (Dipartimento di Scienze Morfologico-Biomediche)

Partecipanti al progetto

Bruno Bonetti
Incaricato alla ricerca

Attività

Strutture