JP2015 - Sviluppo di metodi innovativi per valutare la qualità nutrizionale del pesce – INNUFISH

Data inizio
1 gennaio 2016
Durata (mesi) 
24
Dipartimenti
Neuroscienze, Biomedicina e Movimento
Responsabili (o referenti locali)
Sbarbati Andrea
Parole chiave
JOINT PROJECT, ACQUACULTURE, NUTRITIONAL QUALITY, MAGNETICA RESONANCE, MICROSCOPY, QUALITY RESEARCH, FOOD, FISH

PREMESSA
Nelle "Linee guida per una sana alimentazione italiana" l'Istituto Nazionale Alimenti e Nutrizione consiglia di mangiare pesce 2-3 volte a settimana ma la presenza sui mercati di pesci della stessa specie pescati o allevati con alimenti e condizioni talora molto diversi, rendono difficile effettuare una valutazione della loro qualità nutrizionale. A questo scopo i consueti metodi di analisi sono utili ma non considerano gli effetti che la struttura anatomica ed istologica dei tessuti possono avere nel determinare ciò che effettivamente sarà assunto dal consumatore. Per questi motivi risulta molto difficile, a chi produce pesci di elevata qualità nutrizionale, dimostrare al consumatore le effettive differenze che derivano dall'impiego di alimenti e tecniche di allevamento eccellenti e metterlo in condizioni di effettuare scelte d'acquisto consapevoli.

OBIETTIVI
Per questi motivi le aziende che producono pesci di elevata qualità nutrizionale sentono la necessità di avere a disposizione metodi che permettano una più profonda valutazione di questa.
Il Dipartimento di Scienze Neurologiche e del Movimento, allo scopo di ampliare le conoscenze attuali riguardanti gli organi gustativi ed olfattivi e il cosiddetto "organo adiposo", ritiene di estremo interesse affiancare l'azienda in questa ricerca, poiché l'interazione di questi organi con i vari alimenti non può prescindere da una più approfondita conoscenza di questi ultimi.

PROCEDIMENTO
In virtù dell'esperienza maturata in campo farmaceutico, garantisce l'utilizzo ad alto livello di tecnologie innovative e di elevati standard procedurali, applicabili al settore agroalimentare per studiare in modo molto approfondito la qualità dei prodotti, compresi quelli dell'acquacoltura. Questi metodi possono permettere di valutare in modo oggettivo gli effetti dietetici e nutrizionali conseguenti all'assunzione di pesci, introducendo un modo innovativo per valutarne la qualità nutrizionale ed aiutare il consumatore ad effettuare scelte consapevoli.
 
MAIN PARTNER
VRM srl

Enti finanziatori:

VRM srl
Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento
Programma: JOINT PROJECTS

Partecipanti al progetto

Andrea Sbarbati
Professore ordinario
Aree di ricerca coinvolte dal progetto
Anatomy & Morphology
Multidisciplinary Sciences

Attività

Strutture