JP2017 - Sicurezza e conoscenza dell'ozonoterapia: effetti di una blanda ozonizzazione su cellule tumorali in vitro e in vivo

Data inizio
1 gennaio 2018
Durata (mesi) 
24
Dipartimenti
Neuroscienze, Biomedicina e Movimento
Responsabili (o referenti locali)
Malatesta Manuela
Parole chiave
JOINT PROJECTS, OZONE THERAPY, OXIDATIVE STRESS, TUMOR GROWTH, IMMUNOHISTOCHEMISTRY, BIOCHEMISTRY, ELECTRON MICROSCOPY

PREMESSA
L’ossigeno-ozono terapia è applicata su pazienti oncologici per ridurre alcuni effetti collaterali negativi delle terapie antitumorali. Tuttavia, è stato recentemente ipotizzato che l’ozono possa avere effetti negativi su pazienti oncologici, a causa dell’attivazione del fattore di trascrizione Nrf2 (Nuclear factor erythroid 2-related factor 2) che è stata associata anche all’induzione e progressione tumorale ed alla resistenza a radio- e chemioterapia.

PROCEDIMENTO
In questo progetto effettueremo studi in vitro su diverse linee tumorali, che chiariranno se e come l’ozono influenzi la biologia delle cellule cancerose, ed esperimenti in vivo su topi, che permetteranno di  comprenderne gli effetti sul tumore a livello organismico.

RISULTATI
I dati ottenuti forniranno agli ozonoterapisti una convincente dimostrazione sperimentale utile a migliorare i protocolli di cura per i pazienti oncologici.

MAIN PARTNER
Studio Medico Poliambulatorio San Rocco di Dott. Gabriele Tabaracci

Enti finanziatori:

Studio Medico Poliambulatorio San Rocco di Dott. Gabriele Tabaracci
Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento
Programma: JOINT PROJECTS

Partecipanti al progetto

Collaboratori esterni

Viviana Covi
Studio Medico Poliambulatorio San Rocco di Dott. Gabriele Tabaracci
Gabriele Tabaracci
Studio Medico “Poliambulatori San Rocco”

Attività

Strutture