Sicurezza e conoscenza dell'ozonoterapia: effetti di una blanda ozonizzazione su cellule tumorali in vitro e in vivo

Data inizio
1 gennaio 2018
Durata (mesi) 
24
Dipartimenti
Neuroscienze, Biomedicina e Movimento
Responsabili (o referenti locali)
Malatesta Manuela

OBIETTIVI:
L’ossigeno-ozono terapia è applicata su pazienti oncologici per ridurre alcuni effetti collaterali negativi delle terapie antitumorali. Tuttavia, è stato recentemente ipotizzato che l’ozono possa avere effetti negativi su pazienti oncologici, a causa dell’attivazione del fattore di trascrizione Nrf2 (Nuclear factor erythroid 2-related factor 2) che è stata associata anche all’induzione e progressione tumorale ed alla resistenza a radio- e chemioterapia.
In questo progetto effettueremo studi in vitro su diverse linee tumorali, che chiariranno se e come l’ozono influenzi la biologia delle cellule cancerose, ed esperimenti in vivo su topi, che permetteranno di  comprenderne gli effetti sul tumore a livello organismico.
I dati ottenuti forniranno agli ozonoterapisti una convincente dimostrazione sperimentale utile a migliorare i protocolli di cura per i pazienti oncologici.

 

Enti finanziatori:

Studio Medico Poliambulatorio San Rocco di Dott. Gabriele Tabaracci
Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento
Programma: JOINT PROJECTS

Partecipanti al progetto

Manuela Malatesta
Professore associato
Alice Nodari
Dottorando

Collaboratori esterni

Viviana Covi
Studio Medico Poliambulatorio San Rocco di Dott. Gabriele Tabaracci
Gabriele Tabaracci
Studio Medico Poliambulatorio San Rocco di Dott. Gabriele Tabaracci

Attività

Strutture